12 ago 2017

#Immigrazione e #emarginazione, miseria e ipocrisia

Il vero problema globale del presente e del futuro si chiama emarginazione, l'accoglienza è  solo una buffonata per buonisti ipocriti, classisti, razzisti, fascisti, ma che si credono tanto buoni.

Etichette
Un emarginato in una megalopoli del Terzo Mondo, o di Milano, di Roma, di Berlino, nuovo o vecchio, bianco o scuro, che differenza ha con gli...integrati, in genere bianchi, ma non solo?
La stessa differenza che si ha con tutti costoro nel Nord e nel Sud del pianeta: loro sono i perdenti, quelli che vivono di briciole cadute dal piatto dei ricchi, che svolgono lavori brutti, sporchi e oggi malpagati anche da noi, perché  sono in troppi a cercarli, per campare.
Caro buonista, invece di accogliere costoro alla Stazione, nel sottopassaggio, o in venti in un appartamento alle case popolari, perché  non rinunci ai tuoi lussi, al tuo tanto superfluo, tenendoti ciò  che serve per campare e il resto lo versi per dare a loro, per l'istruzione e per lavori decenti, in tutto il mondo?
Sto chiedendo troppo?
Comunque, se tu facessi così saresti meno ipocrita, più  credibile ed onesto, anche con te stesso, poi scopriresti che se li aiuti a casa loro i risultati sono migliori con meno soldi.