08 ago 2017

Scritto da Arianna Iezzi – estate 2017 - Il Podere San Domenico Contrada Berrettino snc - 64032 Atri (TE) -


+39 085 871 0025 - 3381832718

Un po’ fuori Atri sulla strada per Silvi si trova l’agriturismo “Podere San Domenico” gestito da una coppia di Signori, sì, dico bene, Signori con la S maiuscola, di nome Lidia e Dante, sposati e già navigati in quel presente/futuro che è l’informatica. Beh! Cosa c’entra l’informatica? Lidia e Dante hanno fatto una scelta coraggiosa: esperti, molto esperti in informatica, lavoro che andava a gonfie vele, hanno deciso di lasciare la tecnologia per dedicarsi a tempo pieno “a far star bene la gente”, hanno aperto un agriturismo dove oltre a offrire camere per dormire (B&B), preparano su prenotazione manicaretti da leccarsi i baffi.
Si appoggiano a fornitori esclusivamente locali per gli ingredienti che non producono, ma per la maggior parte del menù  utilizzano ciò che offre la loro campagna. La cucina è tipica Teramana con piatti pescati dalla tradizione popolare, le cui ricette, Lidia custodisce gelosamente, il vino è rigorosamente autoctono: Montepulciano, Cerasuolo e Trebbiano. 
Cace e ovo è una specialità tutta abruzzese: quando l’ho assaggiata il mondo dentro di me ha fatto un salto all’indietro nel tempo, quando mia madre aquilana preparava questo piatto gustoso e originale dalle origini contadine.
Il formaggio fritto… favoloso, per niente unto e per niente grasso, si squaglia in bocca.
Il coniglio alla cacciatora con il sughetto, mmmm… che bontà!
La torta detta pizza dolce da un’antica ricetta dei Duca Acquaviva, così chiamato nella zona Pan Ducale è armonia pura.
Ho citato solo alcuni dei piatti che propongono per farvi venire l’acquolina in bocca, ma il menù prevede numerose pietanze tradizionali altrettanto gustose.
La sala è accogliente, rustica ma con qualche tocco diciamo… femminile.
Lidia si occupa della cucina e le piace anche conoscere i suoi clienti: non disdegna qualche chiacchierata fra una portata e l’altra. È simpatica e alla mano ma con quella gentilezza che fa di lei una Signora.
Dante è un po’ più riservato, anche lui porta i piatti in tavola e ogni tanto chiama Lidia.
Dante sembra un personaggio d’altri tempi, avete in mente Sorrentino, l’attore? Assomiglia molto a lui, come viso e come modi di fare. Gli assomiglia anche nello stile che forse è un po’ più genuino, non dovendo recitare! È da conoscere!
Lidia e Dante insieme per amore, insieme per l’amore dei loro clienti.
Dimenticavo la famosa regola qualità/prezzo: ottima!
Auguri a Lidia e a Dante ed emozionateci con la vostra cucina tradizionale abruzzese!
Arianna Iezzi – estate 2017